sabato 19 ottobre 2013

Pasta al forno con pomodoro e mozzarella

Questo e' uno dei miei piatti preferiti: e' buonissimo, da' grande soddisfazione a chi la mangia e mette d'accordo veramente tutti, anche i miei convitati di qualche sera fa, che hanno accettato l'invito a cena per poi famri sapere che uno di loro non mangia carne e l'altro non mangia verdure.... 

INGREDIENTI:

200 gr di fusilli
2 lattine di pomodori pelati a pezzetti
1 cipolla piccola
1 spicchio di aglio (facoltativo)
1 cubetto di burro
1 pizzico di zucchero
Olio evo q.b.
Una manciata di mozzarella a filini (l'ho scoperta da poco da Lidl, comodissima!!)
Sale e pepe a piacere

Tagliate la cipolla a dadini molto sottili e mettetela ad imbiondire in padella con un po' di olio, il burro e lo spicchio d'aglio. Quando comincia a diventare traslucida, versate le due lattine di pomodori pelati, il pizzico di zucchero e aggiustate di sale e pepe a piacimento. Lasciate sulla fiamma moderata, mescolando di tanto in tanto e intanto mettere a cuocere la pasta. Scaldate il forno e mettete un po' d'olio in una teglia

Quando la pasta e' a circa meta' cottura, scolatela e mescolatela con il sugo, avendo cura di non usarlo tutto ma di conservarne circa 4 cucchiai.

Mettete meta' della pasta condita nella teglia, copritela con una manciata di mozzarella tritata e due cucchiai di sugo. Ripetete l'operazione con la pasta rimanente, coprendola con l'ultima parte del sugo e il resto della mozzarella. Infornate in forno caldo per circa 15 minuti o quanto basta perche' la pasta sia cotta e la mozzarella ben sciolta. spolverare con un po' di parmigiano e servire calda. 

Attenzione, il nemico principale della pasta al forno e' la disidratazione: la pasta troppo secca e' veramente immangiabile! per evitarla, io uso de accorgimenti: il primo e' quello di non farla cuocere troppo. Il secondo e quello di coprire la pasta pronta, non appena uscita dal forno, con un foglio di alluminio e poi con un canovaccio In questo modo, il vapore sprigionato dalla pasta viene intrappolato e mantiene la pasta morbida per il tempo necessario a servirla in tavola. 

2 commenti:

Lizzy Allan ha detto...

Wow, che bella ricetta! Questa devo assolutamente provare. Complimenti per il tup blog. Mi piace tanto il nome 'la cuoca che corre'. Ti mando tanti saluti dall'australia - Lizzy.

la cuoca che corre ha detto...

Grazie Lizzy! Il nome riflette molto bene la mia vita negli ultimi anni, nonostante le mie migliori intenzioni. :)